[hanno la faccia come il culo]

C’erano una volta gli Incredibili.
Cos’erano gli Incredibili?
Un prodotto Disney/Pixar, diranno i miei piccoli lettori.
No, ragazzi, avete sbagliato! Gli Incredibili sono un prodotto veracemente nostrano, contraddistinto da una imbarazzante persistenza nelle aule parlamentari della Repubblica (un po’ come l’odore stantio dei calzini usati e dimenticati nella borsa del tennis da una settimana) e dal fatto che quando in prima elementare hanno spiegato la coerenza, loro erano in vela e se ne fottevano altamente, sgommando sulle loro Graziella con gli stabilizzatori.
Dotati di superpoteri, dei quali abusano largamente, non si curano nemmeno più di mantenere uno straccio di riserbo sui loro comportamenti anomali, contando probabilmente sul fatto che i loro elettori, indeboliti dalla posizione ad angolo retto assunta al momento dell’iscrizione all’anagrafe, siano troppo presi dal proprio mal di reni per tirar su la testa e ribellarsi.
La puntata di oggi è dedicata a quella fazione di Incredibili che fa un gran baccano e si straccia le vesti per impedire alla cittadinanza che lo richieda di usufruire di opportunità piuttosto ovvie nella società contemporanea. Opportunità inserite recentemente all’ordine del giorno delle agende governative, ma di cui loro stessi – gli Incredibili – usufruiscono senza grossi drammi da una sedicina d’anni (ops). Opportunità che sollevano artatamente il fuoco di sbarramento di presunte questioni morali, ma che di morale non hanno molto più della questione sul canone televisivo: in entrambi i casi si tratta di nient’altro che di un’evoluzione sociale, e del conseguente ammodernamento di normative obsolete.
Stiamo parlando, con ogni evidenza, del riconoscimento delle coppie di fatto. Una cosa talmente ovvia che in un paese civile può non esistere soltanto per via di una svista, di una distrazione legislativa, e a cui porre rimedio in non più di cinque secondi (più o meno come quando su RB si segnala che hanno pubblicato per sbaglio una foto dove compaio anch’io :D). Una cosa talmente ovvia che il perder tempo a discuterne sarebbe come sprecar giornate parlamentari per stabilire se il latte parzialmente scremato (che non esisteva mille anni fa) debba o meno essere pagato in scudi al supermercato. I parlamentari son pagati per far ben altro. Soprattutto, poi, se hanno difficoltà ad abbinare il predicare e il razzolare, come risulta da questo elenco pubblicato sul catalogo "Gli impresentabili di Euronova" alla voce "C – concubini ipocriti, reazionari, baciapile e fondamentalisti in Parlamento":

1 – GIANNI ALEMANNO (AN)
Ex ministro dell’Agricoltura. Separato per un periodo dalla moglie, Isabella Rauti, da cui ha avuto un figlio, non ha mai divorziato ed è poi tornato a vivere con lei.
2 – DORINA BIANCHI (UDC)
Convive more uxorio con un medico dopo la separazione dal marito.
3 – SILVIO BERLUSCONI (FI)
Dalla prima moglie Carla Dall’Oglio ha due figli, Marina e Piersilvio. Ha convissuto con Veronica Lario per 6 anni e l’ha sposata nel 1990 dopo la nascita di Barbara, Eleonora e Luigi, e l’ha sposata quando ancora non aveva avuto il divorzio. E’ stato bigamo.
4 – PIERFERDINANDO CASINI (UDC)
Vive con la compagna Azzura Caltagirone, madre della sua terza figlia. L’ex presidente della camera attende l’annullamento della Sacra Rota del suo primo matrimonio con Roberta Lubitch.
5 – UMBERTO BOSSI (LEGA)
Divorziato da Gigliola Guidali (da cui era separato dal 1982), ha sposato in seconde nozze Manuela Marrone nel 1994, dopo dieci anni di convivenza.
6 – GABRIELLA CARLUCCI (FI)
Deputato (e già questo ha dell’incredibile, ndr). Ha divorziato dall’attore Gianfranco lannuzzo, sposato nel 1985, e ha sposato nel 1996 Marco Catelli. Dall’unione è nato Matteo, 9 anni.
7 – FRANCO FRATTINI (FI)
Vicepresidente della Commissione Europea ed ex ministro degli Esteri. Separato, ha una figlia. Da quattro anni ha una nuova compagna, l’avvocato Simona Ingaglio.
8 – ELISABETTA GARDINI (FI)
Portavoce di Forza Italia. Divorziata da Luca Fazzi, con cui ha avuto nel 1990 il figlio Pietro, convive dal 1995 con il regista Fernando Balestri.
9 – PAOLO GUZZANTI (FI)
Senatore ed ex presidente della commissione Mitrokin, giornalista. Dalla prima moglie Germana ha avuto tre figli: Sabina, Corrado e Caterina. Dalla seconda moglie, l’americana Gill Falcigno, ha avuto due figli: Liv Liberty e Lars Lincoln ed ormai deve aver avuto anche il terzo.
10 – IGNAZIO LA RUSSA (AN)
Capogruppo di An alla Camera. Sposato in prime nozze con Marika Cattarelli, da cui ha avuto Geronimo. Dall’attuale compagna, Laura de Cicco, ha avuto Lorenzo e Leonardo.
11 – ENRICO LETTA (MARGHERITA)
Viceprimoministro della Margherita. Divorziato, si è risposato con la giornalista Gianna Fregonara, da cui ha avuto un figlio, Giacomo.
12 – ALTERO MATTEOLI (AN)
Ex ministro per l’Ambiente. Divorziato, ha due figli dalla prima moglie. Ha sposato nel 2001 la sua ex assistente, Ginevra Giannetti, da cui ha avuto un figlio, Edoardo, 3 anni.
13 – ROBERTO CASTELLI (LEGA)
Ex ministro di Grazia e Giustizia. Divorziato. Dalla prima moglie Sara Galbiati ha avuto Gabriele. Risposato nel febbraio 2005 con Sara Fumagalli, con cui era legato dal 1997.
14 – PAOLO CIRINO POMICINO (NUOVA DC)
Ex ministro Dc e ora esponente della Nuova Dc. Separato dalla moglie Wanda, dalla quale ha avuto due fglie, Ilaria e Claudia. Ora ha una nuova compagna.
15 -GIANFRANCO FINI (AN)
Ex vicepresidente del Consiglio e ministro degli Esteri, si è sposato nel 1988 con la divorziata Daniela Di Sotto. Da lei ha avuto, nel 1985, l’unica figlia, Giuliana.
16 – GIANFRANCO MICCICHÈ (FI)
Ex ministro per lo Sviluppo e la coesione territoriale. Divorziato, ha avuto una figlia dalla prima compagna e due dalla moglie Elena Merra.
17 – GAETANO PECORELLA (FI)
Ex Presidente della Commissione Giustizia della Camera, avvocato. Divorziato dalla prima moglie, non si è mai risposato, ma ha collezionato negli anni diverse convivenze.
18 – DANIELA SANTANCHE’ (AN)
Deputata, responsabile del dipartimento Pari libertà di An. Divorziata dal chirurgo plastico Paolo Santanchè, convive e ha avuto un figlio da Canio Mazzaro (ma un cognome suo, questa donna, non ce l’ha? ndr).
19 – VITTORIO SGARBI (GRUPPO MISTO)
Ex deputato e critico d’arte, convive con l’attrice Sabrina Colle da otto anni. Ha un figlio, Carlo, avuto nel 1988 dal suo rapporto con Patrizia Brenner.
20 – ELIO VITO (FI)
Vicepresidente dei deputati di Forza Italia, già esponente della Lista Pannella. È separato, ma nel suo sito ha preferito non precisarlo. Ha un figlio, Andrea.
21 – ROBERTO ZACCARIA (MARGHERITA)
Parlamentare ed ex presidente Rai: separato dalla moglie Barbara, sposata nel 1973, dalla quale ha due figli. Ha una nuova compagna, l’attrice Monica Guerritore.

 
Nulla di particolare, direte voi. Certo. Se non fosse che questi signori e queste signore sono curiosamente tra i più ferrei sostenitori della famiglia "tradizionale" come unica destinataria di qualunque diritto civile della famiglia o della coppia. Cose che non suscitano nessuno scandalo, naturalmente, perchè è naturale che la vita privata di qualunque cittadino riguardi lui e lui solo. Salvo quando alcuni cittadini, eletti ad agire per il bene della comunità, con rispetto parlando, con una mano facciano segno di no e con l’altra alzino il dito medio nella classica posa da Santanchè.
 
 
(questo post è stato offerto da Predica & Ratzola – Provalo! Con Predica & Ratzola anche tu potrai fare i catzi che vuoi alla faccia non solo dei tuoi elettori, ma anche di tutti gli altri! Per sempre! – Attenzione: può avere delle controindicazioni. Evitare in caso di sensibilità accertata verso le crisi di coscienza. Leggere attentamente le modalità d’uso)
 
Annunci

6 thoughts on “[hanno la faccia come il culo]

  1. Oblivious ha detto:

    Guarda non so se mi fanno più schifo gli ipocriti di cui sopra che, conoscendo ciò che ipocritamente predicano, ho evitato di votare oppure quelli che ho votato perchè sostenevano i PACS ma che poi alla fine si sono rimangiati tutto. Per la serie “mi hanno preso per il culo”… e con molta nonchalance devo dire.
    Bah…

  2. maxvax ha detto:

    Daniela Garnero che ha “acquisito” il diritto di usare il cognome dell’ex marito (fonte CHIC, Gian Antonio Stella) 😉
    Senti out, ma lo posso pubblicare questo bell’elenchino nel mitap ? 🙂

  3. out ha detto:

    Ah.
    Naturalmente, non ho ancora trovato un giornalista che abbia avuto l’accortezza di chiedere a qualcuno dei sopraelencati in fase di esternazione antipacs “Scusi, ma Lei che è divorziato/convivente cosa intende esattamente per “famiglia tradizionale?”.
    Ma probabilmente ero distratta io.
    O forse aspettano tutti che qualcuno ponga a D’Alema le domande suggerite da Kobayashi, prima di passare alla cronaca rosa…(cfr: http://www.parenthesis.splinder.com/post/11746460/%5BCinque+domande%5D)

  4. out ha detto:

    Mio caro messer O.B. Livious, per non lasciarLa solo nel suo dubitare mi unisco a Lei. Il mio quesito del giorno è: che cazzarola leggerà mai Vax dal parrucchiere? 😀

    (certo che possi. Pensavo di farlo io, ma se lo fa Lei io faccio altro. Mi facci sapere, mi facci)

  5. maxvax ha detto:

    Un manga porno, che domande 😀

    (cmq meglio che abbi pubblicato lei 😉 )

  6. SirDDT ha detto:

    Quando uno, un po’ confuso, non sa dove dirigere il proprio futuro, se nell’assolata Italia o se invece guardando altrove, e’ bello e rassicurante trovare persone che cercano in ogni modo di chiarire le idee…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...