[due]

Florentia. Due turisti cui il gelo non inibisce il fiuto per i posti speciali. Oltrarno, piazza della Passera. Un’osteria poco appariscente che si rivela un vero tesoro, da condividere con Anthony Hopkins. Ma noi siamo più temerari di lui, nell’apprezzare le delizie del luogo: del resto non ce li abbiamo neanche, quaranta giorni consecutivi a disposizione per ordinare sempre lo stesso, invariato menu. Un sardo, uno slavo, una scommessa vinta. Un coma etilico di quelli seri e un anello magico che fa sentire svestiti. Kobayashi in perfetta nuance coordinata con l’ambiente, e questo cimelio imperdibile. La tenutaria non ero io.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...