[against all odds]

Il peggio che possa capitare a una brioche non è essere bandita da Facebook nel momento in cui un tizio rinsecchito leva le braccia e rianima orde di spoileranti.
Non è nemmeno essere costretta a fare a meno dei commenti sull’ultima occasione persa da una veejay per tacere e sperare che nessuno si accorga che un battiscopa le fa 4 a 0 e una figurina, quanto a QI.
No.
Il peggio che possa capitare a una brioche è essere bandita da Facebook a ridosso del momento più importante dell’anno.

Francamente, non contavo che più di una manciata di irriducibili se ne ricordasse.

Alcuni di voi, addirittura, proprio perchè vi conosco, avrei scommesso che da veri maschi avrebbero lisciato la data senza un plissé (maledetta tastiera foresta, nove tentativi e sedici vaffanculi prima di beccare la e con l’accento giusto).

Invece.

(dovessi mai avvicinarmi a un bookmaker, vogliatemi bene e prendetemi a calci)

Lo dico senza giri di parole: in questo periodo particolarmente arduo, mi ha commosso vedere come tantissimi di voi abbiano dedicato un momento a questa ricorrenza.

E sì che a momenti non me lo ricordavo manco io che l’altroieri era il compleanno dei cani di Valerio Scanu.

(piccolissima nota a margine: vi siete divertiti a segnalarmi a Zuckerberg? Bene. Sappiate che io, a fare quello che vi ha portato a farlo mi son divertita molto, ma molto, ma molto di più. kind regards)

Annunci